castello-sarriod-de-la-tour-saint-pierre-visita

Un castello… mostruoso!

Saint-Pierre, comune poco lontano da Aosta, custodisce un tesoro straordinario: il castello Sarriod de la Tour, misterioso maniero che vi lascerà senza fiato.

Chi non vorrebbe tornare bambino, dimenticare anche solo per un attimo i problemi della quotidianità per immergersi in un fantastico immaginario popolato da castelli incantati, re potenti, regine buone, bellissime principesse salvate da principi coraggiosi che uccidono per amore draghi e mostri paurosi…

La vista di Saint-Pierre vi permetterà di rivivere in quel regno fatato creato dalla fantasia infantile: da un lato, su uno sperone roccioso, inconfondibile per la immagine fiabesca, si erge il castello di Saint-Pierre. Le quattro torri laterali, aggiunte nel XIX secolo, rendono quasi disneyano quello che risulta essere uno dei più antichi castelli della Valle d’Aosta.

castello st pierre valle d aosta


Castello di St Pierre. Fotografie tratte dal sito www.lovevda.it

Dall’altra parte della strada, in un ambiente magico, lungo una zona pianeggiante terminante a strapiombo sulla Dora Baltea, si innalza il castello Sarriod de la Tour incorniciato da alberi di mele. Risultato di numerose campagne costruttive, il maniero si compone di diversi edifici che si sono aggiunti nel tempo, conferendo alla struttura un’immagine apparentemente irregolare, disordinata, ma di ineguagliabile fascino.

Castello Sarriod de la Tour. Fotografie tratte dal sito www.lovevda.it

Questo castello porta con sé una lunga storia, le mura ci raccontano le vicende dei suoi nobili proprietari, i Sarriod, che lo detennero fino al 1921. Un incredibile passato che inizia in un arco temporale compreso tra il X ed il XII secolo, periodo in cui fu eretto il primitivo castello, allora composto da una torre circondata da mura. Nel corso del secolo successivo, il matrimonio tra Luigi Sarriod de la Tour e Antonia di Challant sancì l’ascesa della nobile famiglia dei Sarriod. A quest’epoca risale la costruzione della cappella castrense. Tuttavia, dobbiamo attendere il XV secolo per rivivere il periodo d’oro del castello: in quest’epoca la dimora fu rinnovata, trasformando il castello difensivo in un’elegante residenza signorile. I promotori di questo rinnovamento furono Jean, e successivamente suo figlio Antoine. Nell’antica torre furono costruite delle eleganti finestre crociate, vennero aggiunti degli ambienti connessi alla torre e fu realizzato il “viret”, la stupenda scala a chiocciola. A questo periodo risale il restauro della cappella, dove venne realizzato un nuovo ciclo di affreschi rappresentanti la Crocifissione e San Cristoforo. Al suo interno, è ancor oggi possibile ammirare delle testimonianze del XIII secolo, tra cui emergono delle sirene e alcune figure grottesche.

Castello Sarriod de la Tour. Cappella. Fotografie tratte dal sito www.regione.vda.it

Queste non sono gli unici personaggi bizzarri che incontrerete nel castello: l’incredibile salone d’onore, chiamato la “Sala delle Teste”, dovuto alla presenza di 171 mensole lignee che decorano il soffitto, è popolato da esseri mostruosi: volti umani, talvolta deformi, diavoli, sirene, anime turbate, esseri animaleschi… Capolavori di intaglio e scultura di area locale, queste mensole rievocano tutto quel mondo fantastico e grottesco dell’immaginario popolare di epoca medievale.

Castello Sarriod de la Tour. Sala delle teste. Fotografia tratta dal sito www.regione.vda.it