Per prenotazioni: info@guideturistiche.vda.it
  • fr

Castello di Verrès

  • Sito a pagamento

  • Non accessibile ai diversamente abili in carrozzina

  • Visite per gruppi: accesso contingentato a 30 persone alla volta

  • Visite per singoli

  • Durata della visita: 30 minuti negli ambienti interni e 20 minuti all’esterno

  • Opinione dei nostri clienti - 187 Voti

Orari castello di Verrès

Da ottobre a marzo: dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00 Chiuso il lunedì
Chiuso il 25 dicembre e il 1° gennaio
Da aprile a settembre: dalle 9.00 alle 19.00, tutti i giorni

Costo biglietto ingresso castello di Verrès

Intero: € 3,00

Ridotto: € 2,00 (comitive di almeno 25 persone paganti, studenti universitari, convenzioni specifiche)

Ridotto minori: € 1,00 (ragazzi di età compresa fra 6 e 18 anni, scolaresche)

Gratuito: bambini fino a 6 anni non compiuti, soggetti portatori di handicap in possesso della certificazione di cui alla legge 104/92 e loro accompagnatori, insegnanti e accompagnatori di scolaresche, in proporzione di 1 ogni 10 alunni.

Si ricorda che è necessario contattare una guida turistica della Valle d’Aosta per prenotare gli ingressi ai castelli per i gruppi.

Come arrivare al castello

Per raggiungere il castello è necessario uscire dal casello autostradale di Verrès. Le auto possono avvicinarsi maggiormente percorrendo una strada di circa 1 km che parte dal campo sportivo. Raggiunto il parcheggio, percorrere la mulattiera in salita della durata di 10 minuti circa. I bus devono parcheggiare all’ingresso del paese di Verrès. La salita, di 20-30 minuti circa a piedi, si svolge su un primo tratto di strada asfaltata nel paese, per poi proseguire lungo la mulattiera.

La storia del castello di Verrès

Il castello di Verrès si erge all’imbocco della Val d’Ayas, sulla sommità di un picco roccioso dominante il borgo di Verrès. Citato per la prima volta nel 1287, il castello assunse l’aspetto attuale nel XIV secolo ad opera di Ibleto di Challant, che volle una fortezza monoblocco, formata da un cubo di trenta metri di lato priva di torri e cinta muraria. A sola difesa dell’edificio, vi era lo spessore delle mura ed un coronamento di bertesche.

Renato di Challant, aiutato dall’architetto spagnolo Pietro de Valle, rinnovò l’apparato di difesa castello nel 1536 adattandolo alle armi da fuoco del tempo. Alla sua morte, il castello passò ai Savoia.

Nel 1661, gli armamenti furono smantellati e trasferiti al Forte du Bard per volere del duca Carlo Emanuele II. 

Nel 1696 i Challant riacquisirono il castello fino alla loro estinzione, all’inzio del XIX secolo.

Gli Challant riottennero il possesso della rocca nel 1696 e lo mantennero fino all’estinzione della casata, ai primi del XIX secolo.

La fortezza di Verrès era ormai un edificio decadente, del tutto privo di tetto, che era stato demolito per non pagare il canone erariale. Il recupero del castello fu reso possibile grazie all’intervento di un gruppo di intellettuali inglesi appassionati per il Medioevo, tra i quali ricordiamo Alfredo D’Andrade, che lo acquistò per conto dello stato italiano nel 1894 e Vittorio Avondo.

Il percorso di visita permette di conoscere il sistema difensivo del castello, caratterizzato da caditoie, feritoie e ponte levatoio; di ammirare la regolarità geometrica dell’edificio collocato su tre piani collegati da uno scalone monumentale ad archi rampanti ideato attorno ad un cortile quadrato e di osservare le decorazioni, limitate a particolari in pietra lavorata.

Il castello riprende vita ogni anno nel corso del Carnevale Storico di Verrès rievocando la storia leggendaria della contessa Caterina di Challant.

É possibile raggiungere il castello percorrendo una mulattiera che parte dal parcheggio auto di 10 minuti a piedi. Il parcheggio dei pullman si trova all’ingresso del paese di Verrès. La salita, di 20 minuti circa a piedi, si svolge su un primo tratto di strada asfaltata nel paese, per poi proseguire lungo la mulattiera.

Visita guidata castello di Verrès

Prenota la visita guidata al Castello di Verrès compilando il form sottostante











INSIEME ALLA VISITA DEL CASTELLO PUOI ABBINARE

Il castello di Issogne, il castello dei sogni

10/07/2017

Sontuosa dimora signorile situata nella bassa valle, il castello di Issogne è un sogno ad occhi aperti, che non potrà non incantarvi. L’edificio medievale fu trasformato radicalmente alla fine del XV secolo per volere di Giorgio di Challant, che ne fece uno splendido palazzo per il nipote Filiberto.

Forte di Bard cosa vedere

30/08/2017

Nella bassa Valle d’Aosta, dopo aver attraversato il comune di Arnad dirigendosi verso Torino, è impossibile non rimanere meravigliati dalla visione dell’imponente Forte di Bard. Scopri mostre temporanee e musei per adulti e bambini.

 

Guide Turistiche Valle d'Aosta di Stefania Soudaz
P.IVA: 01204690075 / C.F: SDZSFN85B45E379G



Privacy Policy
Codice Fattura Elettronica: KRRH6B9