Visita i siti romani della Valle d’Aosta

Una guida turistica ti accompagnerà nella visita guidata dei siti archeologici romani lungo la Valle d’Aosta! Scoprirai i luoghi di maggior fascino della Via delle Gallie, come il monumentale ponte romano di Pont-St-Martin, l’incredibile arco di Donnas e il tratto ancora perfettamente conservato della strada romana che conduce al caratteristico borgo di Bard ed il gioiello dell’architettura romana: il ponte-acquedotto di Pont d’Ael, imponente opera finanziata da un privato.
Per le scuole sono stati ideati dei laboratori didattici ideali per le gite scolastiche. Proponiamo inoltre visite guidate abbinate a degustazioni di prodotti tipici della Valle d’Aosta.

Scopri le nostre proposte di visita guidata alla scoperta dei siti archeologici romani in Valle d’Aosta


Ponte-acquedotto di Pont d’Ael

Nel villaggio di Pont d’Ael, nel comune di Aymavilles si trova un ponte-acquedotto di epoca romana che attraversa il torrente Grand-Eyvia: è alto circa 56 metri e lungo più di 50. Il ponte presenta due livelli: uno superiore che permetteva il passaggio dell'acqua, pavimentato in grosse lastre litiche squadrate (lo specus) e un tempo impermeabilizzato da malta idraulica ed uno inferiore, largo circa un metro, aerato ed illuminato, che consentiva l'attraversamento di uomini e animali.

Dettagli Visita

La Via delle Gallie

a strada fu la prima grande opera pubblica che i Romani realizzarono in Valle d’Aosta. Prima del loro arrivo, era possibile percorrere il territorio valdostano per mezzo dei primitivi sentieri che conducevano nelle odierne Francia e Svizzera. L'infrastruttura, indispensabile all'espansione militare e politica dell'impero, attraversava la valle centrale, arrivando a biforcarsi ad Augusta Praetoria (Aosta) conducendo ai valichi del Piccolo San Bernardo (Alpis Graia) e del Gran San Bernardo (Alpis Pœnina) che permettevano di raggiungere la Gallia e la Germania.

Dettagli Visita

Arco di Donnas

Lungo alcuni tratti della via delle Gallie, strada romana costruita per mettere in collegamento la città di Roma alla valle del Rodano, i Romani hanno osato sfidare la natura dell’impervio territorio. Un esempio è il tratto di Donnas, dove la roccia viva è stata tagliata per 221 metri ricavando la strada. Un passaggio ad arco sembra esser lasciato dai romani come sola testimonianza dell'ardita opera compiuta. Nel Medioevo l'Arco di Donnas fu utilizzato come porta del Borgo, che veniva chiusa durante la notte ed in caso di pericolo; le altre difese erano la montagna ed il fiume.

Dettagli Visita

Ponte romano di Pont-St-Martin

Il ponte romano di Pont-St-Martin è un'importante testimonianza della via delle Gallie, la prima grande infrastruttura realizzata dai Romani in Valle d'Aosta. La strada, arrivando da Eporedia (Ivrea) giungeva ad Augusta Preatoria (Aosta), per poi dividersi verso i colli dell’Alpis Graia (Piccolo San Bernardo) e dell’Alpis Pœnina (Gran San Bernardo).

Dettagli Visita